Filippo Sgarlata – Monumento a Frate Umile da Petralia

Giovanni-Francesco-Pitorno-detto-Frate-Umile

Busto Giovanni Francesco Pitorno detto Frate Umile,bronzo

Tra i personaggi rappresentati nella visione di un naturalismo oggettivo vi è il bronzo di Frate Umile. Nella sua opera Filippo Sgarlata riesce a esplicitare la pietas e una spiritualità interiorizzata: i segni sulla barba risultano discreti e altrettanto essenziali sono le pieghe del saio.

Giovan Francesco Pitorno, meglio noto come frate Umile da Petralia, (Petralia Soprana, 1600 – Palermo, 9 febbraio 1639) era stato,a sua volta, uno scultore. Nella sua opera si ripete incessantemente il modello iconografico del Cristo morto in croce. I suoi crocifissi si trovano in numerose chiese degli ordini religiosi che all’epoca avevano praticamente il monopolio della committenza artistica siciliana. Tra le città che custodiscono sue opere figurano Aci Catena, Agira, Agrigento, Aidone, Caltagirone, Caltanissetta, Campobello, Castrofilippo, Catania, Cerami, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Enna, Ferla, Galati Mamertino, Gangi, Messina, Mistretta, Mojo Alcantara, Mussomeli, Naro, Palermo, Piazza Armerina, Pietraperzia, Randazzo, Salemi, Termini Imerese (Parrocchia di Sant’Antonio di Padova); alcune città calabresi: Cutro, Bisignano; in Campania: Afragola e Polla; Basilicata:Miglionico. Nella sua produzione compaiono anche alcuni rari Ecce Homo (Mesoraca e Calvaruso) o Cristo alla colonna (Militello in Val di Catania) con gli stessi caratteri dei crocefissi. La sua opera è arrivata anche fuori dai confini italiani, ne è esempio un crocifisso custodito a Tolosa (Francia).

Il busto del frate madonita è stato scolpito tra il 1938 e il 1938, si trova ancora oggi a Petralia Soprana in Piazza Frate Umile da Pintorno.

Giovanni-Francesco-Pitorno-detto-Frate-Umile

Busto Giovanni Francesco Pitorno detto Frate Umile,bronzo